IL PONTE DI GENOVA DI FERRO E ARIA
PALAZZO DUCALE Salone del Maggior Consiglio
28-09-2020
ore 18

Un omaggio al nuovo ponte e a Giorgio Caproni che ha saputo esprimere Genova nei suoi versi così secchi e contemporaneamente armonici e musicali. L’evento è la testimonianza che immagine e musica si fondono con la poesia.
Genova di ferro e aria della sua Litania, parole che non ha mancato di citare Renzo Piano nelle sue conversazioni pensando al ponte.
Vorremmo ricordare queste tragedie insieme al poeta che tanto ha amato e dato a Genova; che ha cantato con grande amore la sua «città dell’anima» come la chiamava e la Liguria. Un omaggio al suo amore per la «verticalità» genovese fatta di «creuze», salite, rampe, ascensori e funicolari…
Caproni ci ha lasciato un patrimonio letterario totalmente legato alla struttura urbana della città.
Dalle sue passeggiate quotidiane in Val Trebbia e a Genova sono nate liriche straordinarie che hanno fatto conoscere la Liguria in tutto il mondo. L’Associazione Anfossi non poteva non omaggiare il nuovo ponte legandolo all’anniversario di Caproni che ha saputo esprimere Genova con versi così secchi, ma insieme armonici e musicali. E’ come se nel 2020 ponte e Caproni abbracciassero Genova.
La nostra associazione vorrebbe essere testimone di questi fatti offrendo un evento dove immagine, poesia e musica di ieri e di oggi si fondono.
Molti musicisti e attori di alto rilievo si alterneranno con le sue poesie e le musiche che Caproni amava.
Musiche di Magnan, Bo, Schubert, Mozart, Schumann, Beethoven, popolari.

Quale importanza ha avuto in me la musica? Molta. Mi ha esercitato alla pazienza e, essendo il musicista un interprete, la quotidiana scoperta  dei miei e degli altrui sentimenti”.
Proiezione delle immagini di Genova di Patrizia Traverso* durante la lettura della  «Litania» di Giorgio Caproni
Litania  10′
Programma
Carla Magnan, Quartetto …e lentamente prende forma… 7′
(in prima esecuzione, dedicato al nuovo ponte di Genova)
Sonia Bo, Come un’ allegoria, per soprano, clarinetto, violoncello e pianoforte 7′ (Testo di Giorgio Caproni)
A Rina***  2′
Canti Della Val Trebbia – Cantori di Marsaglia  7′
Schumann Träumerei – violino e pianof.****  4′
Träumerei [Sogno] (poesia)  5′
Schubert An die Musik, canto e pianoforte 2.50′
Strumenti dell’Orchestra: La Musica (da Il conte di Kevenhüller) (poesia) 2′
Mozart Abendempfindung, KV 532 canto e pianoforte 5,30′
Abendempfindung, poesia. 5′
Beethoven Quartetto in la min. op. 132 n° 15 ***** 30′

*    Patrizia Traverso è una grande fotografa genovese (le fotografie che si proietterano sono tratte dal Libro Genova ch’è tutto dire scritto in collaborazione con Luigi Surdich)
**      Renzo Piano, parlando del Ponte, ha citato alcune delle frasi della Litania parlando del ferro dell’aria e della forza di Genova
***    Rina Rettagliata, moglie di Caproni, nata a Rovegno nella Val Trebbia, dove sono sepolti.
****   In memoria degli studi di violino e composizione di Caproni
***** L’opera più amata da Caproni

Acrhome ensemble
(Marco Sorge clarinetto, Matilde Pesenti violoncello, Gabriele Rota pianoforte)
Sabina Macculi soprano, Roberto Alinghieri voce recitante.
Quartetto
(Andrea Cardinale, Elena Aiello violini, Giuseppe Francese viola, Giovanni Ricciardi violoncello).