Primavera 2018

Rassegna 2018 L’antico e il nuovo

Il PIACERE DELLA SCOPERTA è il titolo dell’edizione 2018 della rassegna L’Antico e il Nuovo e illustra lo scopo che ci poniamo. La musica che conosciamo ci fa godere con tranquillità, mentre il piacere delle scoperte, certamente quelle riferite alla produzione attuale, ma anche più generalmente viaggiando attraverso le epoche e i più diversi aspetti e in dialogo con altre arti e altri mondi culturali, apre a una curiosità nuova e sollecita stimoli e interessi. Questa è la cifra principale della rassegna e vuole rappresentare un’opportunità per i cultori e gli appassionati e un’occasione invitante per un nuovo pubblico. Offriamo all’ascolto, coerentemente con la linea della direzione artistica perseguita in questi anni dalla nostra Associazione, musica antica, classica, romantica, senza mai tralasciare quella di oggi, proponendo compositori noti, talvolta meno noti e giovani talenti, con lo scopo di conoscere le loro opere e promuoverli. Una rassegna che porta musicisti liguri, italiani ed esteri ed è aperta a incursioni e scambi culturali con altre forme d’arte. Si inizia con un’importante collaborazione: un concerto in cooperazione con la Giovane orchestra Genovese, il 29 gennaio nell’ambito della loro Stagione 2017/2018 in cartellone al Carlo Felice. Celebreremo insieme gli 80 anni di Azio Corghi con una sua composizione, rielaborata per pianoforte a quattro mani, insieme a Carla Rebora, dalla compositrice e vicepresidente della nostra associazione, Carla Magnan. Un’opera dove i diversi linguaggi musicali si sfiorano in un doppio gioco tra passato e presente (il lavoro prende spunto dai Péchés de vieillesse di Rossini) e interagiscono, con il testo divertentissimo e ironico, scritto appositamente, di Quirino Principe basato su una delle invenzioni più importanti dell’800: il treno a vapore. Così, il petit train rossiniano idealmente ci conduce in un gioco di anniversari (nel 2018 ricorrono anche i centocinquant’anni dalla morte di Rossini e gli ottanta anni dalla morte di Ravel).
Un omaggio a un caro socio che ci ha lasciato poco tempo fa e che in passato è stato molto coinvolto nell’Associazione Anfossi, Tino Rapetti, ci offre l’occasione per ascoltare, nella suggestiva cornice del Museo di Arte Orientale E. Chiossone con il suo patrimonio artistico di inestimabile valore e rarità, un particolare brano di Schubert composto nel 1817, ma che fu scoperto soltanto mezzo secolo più tardi e ancora oggi viene raramente eseguito. La voce struggente del Coro Amici della Montagna, nel quale cantava Rapetti, rievoca l’aria rarefatta delle alte vette e incornicia questo programma celebrativo ricollegando Genova col Wienerwald, le selve viennesi tanto care a Schubert. Al pianoforte Marco Rapetti, figlio di Tino, noto pianista membro del nostro consiglio direttivo.
Ancora più particolare e meno noto è l’ambito della musica spagnola da tasto proposta dalla clavicembalista madrilena ma arrivata in Italia qualche anno dopo per studiare quella scuola italiana impareggiabile, Amaya Fernandez Pozuelo. Dopo aver fatto ascoltare i grandi maestri spagnoli approfondisce lo Scarlatti che con gli anni andalusi era diventato un italo-spagnolo.  Un’iniziativa in collaborazione con il nostro Conservatorio presso la sede dello stesso, nella linea di cooperazione con le istituzioni della nostra città, musicali e non solo, che la nostra Associazione persegue costantemente.
Dopo Teatro Carlo Felice, Museo Chiossone e Conservatorio, un’iniziativa alla Biblioteca Berio, luogo della cultura intesa anche come servizio e strumento d’informazione e formazione. Prosegue infatti la collaborazione ormai consolidata con la Berio, che mette a disposizione supporti per la curiosità e l’approfondimento con bibliografie e piccole mostre a tema, in un rapporto di reciproca valorizzazione con l’Associazione e le sue iniziative. L’incontro in marzo alla Berio, traendo occasione dalla presentazione del libro Guida alle compositrici dal Rinascimento ai giorni nostri, vuole indagare sulle implicazioni al femminile di una professione tradizionalmente, e ancora ai giorni nostri, riservata all’universo maschile. Insieme allo stesso autore, il maestro Adriano Bassi, l’iniziativa vede la partecipazione di compositrici e altre figure femminili coinvolte nel mondo della musica e dello spettacolo e rappresenta un modo attivo e necessario, non consolatorio e di parata, per celebrare l’8 marzo festa della donna.
E un concerto sarà dedicato alle donne in musica anche a novembre.
Le sedi delle manifestazioni sono scelte non solo come location fisica, ma come luoghi simbolo e più ancora per il loro valore intrinseco di patrimonio culturale da far conoscere e da godere. Un dialogo tra musica e arti, in intreccio tra promozione e fruizione, rivolto ai cittadini genovesi ma anche in gran parte a chi visita la nostra città alla scoperta di cultura storia e bellezza.
A Palazzo Tursi, Patrimonio Unesco con le vie e i Palazzi dei Rolli, Hirundo Maris della coppia Arianna Savall, figlia del grande Jordi e di Montserrat Figueras, e Petter U. Johansen, arpa, voce e strumenti vari, un viaggio musicale dal Mar Mediterraneo al Mare del Nord, un’iniziativa in cooperazione con l’Associazione Musicaround per La voce e il Tempo. In questo concerto entrano in gioco culture diverse della tradizione folkloristica europea e l’innesto di una moderna sensibilità artistica sul recupero della tradizione antica, in una direzione di trasversalità, di rivelazione e ricerca di connessioni che costituisce un elemento caratterizzante questa rassegna.
Su tale linea, nel concerto che si svolge nuovamente al Museo Chiossone, “Canzoni dei papaveri” Musiche e poesie intorno alla Prima Guerra Mondiale, sono questa volta le relazioni tra poesia e musica ad essere esplorate e offrire suggestioni, con il pianoforte a quattro mani di due giovani francesi di talento e una coinvolgente voce recitante. Nella notte dei musei e dei Rolli Days a Tursi un giovanissimo quartetto di Sassofoni, una formazione non proprio usuale per ascoltare in una notte festosa autori noti e meno noti di varie latitudini. Appunto i giovani artisti di talento, e accanto ad essi la nuova musica, sono elementi cui viene data costante attenzione. Collateralmente alla rassegna il Piacere della Scoperta abbiamo questa primavera una iniziative speciale, un concerto particolare riservato ai nostri soci e ai nostri sostenitori per ringraziarli in musica della sensibilità che li spinge a contribuire personalmente. Del tutto inedito è il concerto Poesia e Musica che offriamo loro a Casa Valéry, tutt’ora intatta, dove il grande poeta visse in diversi periodi della sua vita e dove ebbe luogo la famosa “Nuit de Gênes”, evento che lo spinse ad abbandonare la poesia per molti anni.
I soci e i sostenitori privati, insieme con il Comune e la Regione, vogliamo qui ringraziare cogliendo l’occasione per sollecitare ancora nuovi soci e e altri sostegni e collaborazioni. È questo sostegno che consente la prosecuzione di un’impresa, non facile, che vuole dare a tutti opportunità di conoscenza e godimento in campo musicale e culturale senza barriere. Con tale finalità i nostri concerti sono a ingresso gratuito e offerta libera, con l’unica eccezione in questa edizione per due concerti (il 29 gennaio e il 14 marzo, a pagamento con condizioni speciali per i soci), e il pubblico viene coinvolto attraverso dialogo e presentazioni da parte degli artisti.
In linea con i nostri scopi è aperto a tutti l’invito a partecipare alla cena dopo il concerto presso l’Osteria Il Cadraio (dietro il coro della Maddalena) prezzo speciale € 25.00. Il menù viene pubblicato sul nostro sito web. È necessario prenotare almeno entro il giorno precedente inviando una mail a: associazioneanfossi@gmail.com .

29-01-2018
TEATRO CARLO FELICE
ore 21
In collaborazione con GOG Giovine Orchestra Genovese
Musiche di Azio Corghi / Carla Magnan e Carla Rebora, Maurice Ravel DUO BIONDI & BRUNIALTI, pianoforte a quattro mani GUIDO BARBIERI, voce recitante
17-02-2018
MUSEO DI ARTE ORIENTALE E. CHIOSSONE
ore 16.30
Musiche di DI Franz Schubert
MARCO RAPETTI, pianoforte SUZANNE DAUMANN, testi e voce recitante - Con la partecipazione del Coro Amici della Montagna di Genova
17-03-2018
CONSERVATORIO PAGANINI
ore 16.30
In collaborazione con il Conservatorio Paganini
AMAYA FERNANDEZ POZUELO clavicembalo
24-03-2018
BIBLIOTECA BERIO
ore 16.30
Guida alle Compositrici, dal Rinascimento ai giorni nostri
14-04-2018
PALAZZO TURSI Salone di Rappresentanza
ore 20.30
ARIANNA SAVALL voce, arpa celtica, tripla arpa italiana / PETTER UDLAND JOHANSEN, fiddle norvegese, cistro e voce
Musiche della tradizione folkloristica europea: dai canti tradizionali catalani, norvegesi, italiani di Monteverdi, a brani della tradizione sefardita, di origine ebraica, scozzese, fino al barocco della "Tarantella".
05-05-2018
CASA VALÉRY
ore 16.30
Concerto riservato ai soli soci
Poulenc-Apollinaire, Poulenc-Valéry, Eisler-Hölderlin, Boyle-Valéry, Ferré-Rimbaud - EUGENIA AMISANO, voce – MARCO RAPETTI, pianoforte
12-05-2018
MUSEO D’ARTE ORIENTALE EDOARDO CHIOSSONE
ore 16.30
Nell’inferno della guerra: Musiche e poesie intorno alla Prima Guerra Mondiale
DUO PAS DE DEUX - Katia Krivokochenko e Francois Gassion pianoforte a quattro mani GINNI GIBBONI, voce recitante
19-05-2018
PALAZZO TURSI - Notte dei Musei
ore 20.30
ELIA FALETTO sax soprano, TOMMASO MASSARDI sax contralto, MATTEO TASSANO sax tenore, NICOLÒ GATTI sax baritono